Tango, l’ultimo dei Wally varato, è una silhouette nera, le sue forme paiono semplici, quasi minimaliste. Eppure, basta avvicinarsi un poco per scoprire gli infiniti dettagli progettuali e costruttivi che ne fanno un oggetto complesso, raffinato e pieno di fascino: una commistione di linee tese, finiture d’eccezione e un’attenzione al dettaglio maniacale. Mai come in questo caso, un’imbarcazione a vela si è spinta così avanti nell’unire prestazioni e lusso, regata e crociera.

Dopo Hamilton, Magic Carpet 3 e Galateia, Tango è il quarto dei Wallycento ad essere varato nel rispetto della regola di stazza che il marchio monegasco ha sviluppato per esaltare le più attuali tecnologie progettuali e costruttive.

A differenza delle ultime due sorelle, la cui architettura navale è frutto del lavoro dello studio americano Reichel e Pugh, Tango nasce dalla matita del bureau irlandese di Mark Mills che ha saputo introdurre nuovi elementi progettuali, funzionali ed estetici.

Proprio la ricerca tesa a un guadagno prestazionale sulle sorelle ha portato a soluzioni nuove tanto nelle forme di carena e appendici, quanto in quelle di coperta e dell’armo. Le linee d’acqua sfruttano la massima larghezza ammessa dal regolamento, il dislocamento è esattamente a metà fra il limite superiore e quello inferiore, mentre è una sola la pala del timone contro le due concesse.

I DATI

Lunghezza f.t m 30,48
Baglio m 7,20
Pescaggio m 4,40/6,20
Dislocamento kg 47.500
SerbatoioAcqua lt 2.000
SerbatoioCarburante lt 1.500
MotorePotenza 350 cv
Omolog.CE categoria A
ProgettoMills Design / Wally / Pininfarina
www.wally.com

COSTRUZIONE
Lo scafo, la coperta e le strutture sono costruiti con la tecnica del sacco a vuoto e postcura in sandwich in fibre di carbonio preimpregnato, anima nomex e pvc e resina epossidica.

PIANO VELICO
Albero e boma a V in carbonio ad alto modulo, l’armo è a 9/10 con 4 ordini di crocette acquartierate, sartiame in fibra di carbonio e lande a murata e volanti alte.
Il piano velico prevede randa square top, fiocco al 108% per un totale di 640 mq. Alle portanti, con gennaker, 1398 mq.

Non perdere la prova nel numero di febbraio 2018 di Vela e Motore