Capelli tempest 44

 

In mare con autorevolezza. Gli aggettivi potrebbero sprecarsi ma, almeno nel caso del Capelli Tempest 44, sicuramente non sarebbero del tutto inadeguati. Perché il nuovo gommone dell’azienda lombarda regala soltanto impressioni positive che sostanzialmente merita una volta testato in acqua. Certo, le barche perfette non sono di questo mondo ma quest’ultima creatura Capelli non fa rimpiangere il battello ideale. Indubbiamente le dimensioni, generose soprattutto per un semirigido, giocano a suo favore ma il 44 non manca di una sua ammaliante personalità. Una virtù sicuramente favorita anche dall’impressione di potenza che offre sulle onde, sul mare corto del golfo di Cannes dove regala al timoniere una gradevole sensazione di sicurezza.

Senza tralasciare quelle doti di manovrabilità che potrebbero essere il contraltare negativo delle dimensioni importanti. Ma, ad ovviare a quel potenziale inconveniente, ci pensano i due potenti Yamaha da 350 cv che si sono rivelati la potenza più adeguata a un gommone del genere offrendo prestazioni di tutto rispetto.

 

In navigazione

Prepotente, potrebbe essere questa l’impressione offerta dal 44.

Questo semirigido, in effetti, supera i normali parametri di giudizio: d’altronde le dimensioni, e la potenza installata, lo pongono su livelli prestazionali insoliti rispetto alla “normale” produzione mentre, grazie alla carena a V profondo, supera senza incertezze e sbattimenti anche l’onda corta strappata dal ponente di oltre 25 nodi del Golfo di Cannes.

In effetti la carena è proprio il suo atout migliore e, insieme ai due Yamaha da 350 cavalli ciascuno, si trasforma in un mezzo tutto grinta e marinità che vira facendo perno al centro, senza alcun accenno di cavitazione.

Sufficiente far riferimento ai 37 nodi di velocità massima e alla crociera a 25 nodi con i due motori a 4.000 giri al minuto. Pur con notevoli dimensioni e pesi questo Capelli plana a 17 nodi in meno di 7 secondi e al regime di 3.200 giri. Interessante pure il confronto con la versione con tre fuoribordo per un totale di 900 cavalli: planata raggiunta in 5 secondi a 12,5 nodi e a 2.300 giri mentre la massima sale ad oltre 45 nodi e quella di crociera si attesta a quasi 29.

A poppa un’aria cuscinata di oltre 4 metri quadrati precede il divano che, davanti, ha due tavolini ampliabili. Verso prua il blocco cucina con frigorifero, lavello e due fuochi divide il pozzetto dalla timoneria asservita da due posti e protetta da un grande parabrezza. Alzando elettricamente il piano di calpestio si accede ad un grande volume di stivaggio. A prua. invece, un altro grande spazio cuscinato per gli amanti del sole e il pulpito con verricello elettrico.

 www.yamaha-marine.it