Alle hawaii parte il moth world championship 2013

La prima giornata del campionato mondiale 2013 di Moth non è stata un gran successo. Il vento scarso non ha nemmeno permesso che si svolgesse fino alla fine la prima regata prevista. Un po' di malumore c'è tra i mothisti: andare alle Hawaii e non trovare aria è come comprare una Lamborghini e andare a 50 Km orari. Ma il divertimento a terra è assicurato, non solo per lo splendido luogo in cui si svolge il mondiale, ma anche per la simpatia di tutti gli atleti della classe Moth.

Ottanta gli iscritti, tra cui nomi come Löick Peyron e Nathan Outteridge. Nathan Outteridge, 27 anni, ha un palmares di notevole rispetto: più volte campione mondiale in classe 49er, di cui, non contento, ha vinto anche l'oro olimpico ai giochi di Londra 2012. Nathan è salito sul podio più volte anche con il Moth, vincendo il mondiale 2011 e l'europeo 2010.

Löick Peyron, gran velista e gran marinaio, d'altro canto può vantare cinque titoli di campione ORMA, quattro vittorie alla Round Europe Race e, soprattutto, tre vittorie della "English Transat" (OSTAR - The Artemis Transat), un’incredibile impresa che gli ha permesso di superare il leggendario risultato di Tabarly. Peyron ha anche segnato un impressionante ammontare di miglia su monoscafo, attraversando l’Atlantico in solitaria per la prima volta all’età di 18 anni in occasione della Mini Transat, e completando per la prima volta in assoluto la Vendée Globe.

In occasione del mondiale, pochi giorni prima del suo inizio, si sono svolti anche gli US Nationals Open Championship, vinti dall'americano Bora Gulari, reduce dal mondiale Melges 24. L'italiano Stefano Rizzi, dopo aver mancato la vittoria al mondiale Melges 24 per due punti con Blu Moon, è riuscito a piazzarsi al quattordicesimo posto, un buon risultato con aria leggera. 

Per ora aspettiamo la seconda giornata di regate, nella speranza che il vento salga per assistere allo spettacolo dei moth!