Luna rossa salta la prima regata

Luna Rossa potrebbe non partecipare alla prima regata della Louis Vuitton Cup, in programma domenica a San Francisco.

Il motivo del contendere sono quelle famose due norme, su un totale di 37, emesse dal Direttore di Regata Ian Murray dopo l’incidente di Artemis e che Luna Rossa e Emirates Team New Zealand giudicano “fuori legge” perché non riguardanti la sicurezza bensì le prestazioni della barca.

I due team hanno presentato una protesta alla Giuria Internazionale che, secondo i programmi, emetterà un giudizio soltanto martedì prossimo, cioè dopo la prima regata. Per scendere in acqua Luna Rossa vuole invece una risposta prima di quella regata. Dopo la dichiarazione di Luna Rossa sembra che Bruno Troublé di Louis Vuitton abbia fatto pressioni su Carlo Croce, presidente dell’Isaf, per arrivare a un verdetto entro domenica.

Il Ceo dell’America’s Cup, Stephen Barclay, ha detto di essere “molto seccato per questa decisione, questo è un affronto ai fans che stavano aspettando da tre anni e mezzo la prima regata”.

Ma anche cambiare le regole di regata pochi giorni prima del via è un affronto. O no?

Dean Barker, skipper di Emirates Team New Zealand ha detto che “noi siamo qui, pronti per regatare. Che Luna Rossa decida o meno di regatare, noi saremo lì fuori e passeremo del tempo sul campo di regata”.

http://www.americascup.com