Nella nota diffusa dall’associazione Nautica Italiana, di cui Marina Cala de’ Medici è socio, si legge:
"Con ordinanza 1176/2017 pubblicata il 9 ottobre 2017, il TAR Toscana ha ordinato al Comune di Rosignano Marittimo (LI) di depositare entro 60 giorni una relazione tecnica con il calcolo del canone demaniale annuale applicando i valori tabellari alla consistenza dei beni demaniali riferita al momento del rilascio della concessione demaniale e di avvio del rapporto concessorio.

Il TAR Toscana, continua la nota, ha quindi fatto propria la sentenza espressa dalla Consulta e il parere concernente l’interpretazione della legge 296/2006 da sempre sostenuto da Marina Cala de’ Medici, socio di Nautica Italiana.

Nautica Italiana auspica che tale ordinanza del TAR Toscana diventi interpretazione generale e che il canone demaniale sia determinato applicando i valori tabellari riferiti alla consistenza dei beni al momento del rilascio della concessione.

Pertanto, Nautica Italiana auspica che tale interpretazione diventi generale per le concessioni marittime e pertanto ha proposto un emendamento all’art 1 del DDL 4302 per la revisione e il riordino della normativa relativa alle concessioni demaniali marittime, lacuali e fluviali ad uso turistico-ricreativo.