Bavaria 34 c. leggi la prova

È il piccolo del cantiere tedesco. O meglio, è una delle tre proposte sotto ai dieci metri di Bavaria. Partendo dallo stesso scafo sono, infatti, tre i modelli disponibili: l'economico ed essenziale 9.7; il Cruiser 33 che ha layout a due cabine e pozzetto con una sola ruota del timone e il nuovo Cruiser 34 rivisto negli interni (ora a tre cabine) e con il pozzetto rivoluzionato per poter mettere la doppia ruota del timone. Operazione riuscita bene: gli spazi non sono ingolfati e il passaggio centrale, che conduce verso la plancia di poppa a ribalta sul mare, è comodo e consente un miglior sfruttamento della superficie calpestabile.

 

Interni accoglienti

Dal tambuccio, largo e dotato di comodi tientibene longitudinali (rari sulle imbarcazioni di grande serie) sul tetto della tuga, si accede al quadrato. L'ambiente è luminoso e ampio, in particolare la zona pranzo che guadagna spazio dalla scelta di eliminare il tavolo da carteggio, una decisione che non piacerà a tutti. È vero che si carteggia sempre meno (per non dire mai, una brutta abitudine che non ci piace e che contrastiamo con forza), ma per molti è comodo avere un posto in cui raggruppare documenti, carte, chiavi e tutto ciò che è utile alla navigazione e alla gestione della barca. Lo spazio dedicato alla cucina a L è stato leggermente sacrificato a favore delle due cabine gemelle di poppa. A prua la classica cuccetta a V con due begli armadi ai lati e lunghi scaffali a murata. All'interno lo stivaggio è stato studiato fin nei minimi dettagli e lo spazio è ben sfruttato. Le altezze sono ottime a poppa (190 cm) e buone in dinette (188 cm) e a prua (184 cm). Per le finiture sono parecchie le scelte su come "vestire" la barca, dai tessuti (sette differenti alternative) ai legni (il mogano è standard, quercia e teak optional) fino ai pagllioli (4 alternative).

 

Tranquilli al timone

Abbiamo provato il Bavaria 34 nelle acque del Solent (UK), il tempio della vela. Navighiamo con la numero tre, l'ultimo dei prototipi realizzati prima di iniziare la produzione in serie. La giornata inizia con aria leggera intorno ai 10-12 nodi e finisce con oltre 22 nodi. Una barca da crociera deve essere semplice da gestire e trasmettere sicurezza, il 34 risulta dolce, mai nervoso al timone. Le reazioni dello scafo sono graduali anche sotto le raffiche più intense, c'è sempre tutto il tempo per reagire con tranquillità. Quando l'aria tocca i 19 nodi e l'onda diventa fastidiosa prendiamo una mano di terzaroli, le velocità si mantegono simili a prima, ma la gestione della barca e la comodità a bordo migliora.

Il piano velico è contenuto, il boma è corto e alto, la randa ha due punti fissi sul tetto della tuga, il fiocco è al 110%. Piacevole la navigazione con il gennaker, che si mura a prua sul musone dell'àncora. Anche in questo caso la superficie non esagerata lo rende facile da gestire anche da un equipaggio poco esperto o ridotto. E il divertimento è assicurato. La barca del test ha vele versione High-Tech, una via di mezzo - che noi consigliamo - tra quelle standard in dacron e le Epex molto belle ma costose. A scelta è possibile avere la randa avvolgibile.

 

Indirizzi

Bavaria Yachts, Germania, lista dealer  italiani sul sito internet  del cantiere

www.bavaria-yachtbau.com

 

Scafo

Lunghezza f.t. m 9,99

Lunghezza al gall. m 9,15

Larghezza m 3,42

Pescaggio m 2,02

Dislocamento kg 5.300

Zavorra kg 1.370

Serbatoio acqua lt 150

Serbatoio carburante lt 150

Motore cv 18

Omolog. CE cat. A

Progetto Farr Yacht Design

 

Prezzo di listino € 86.000

Iva esclusa franco cantiere.

 

Prezzo alla boa € 130.367

Iva inclusa con motore cv 18.

 calcolato aggiungendo al prezzo di listino solo alcuni accessori consigliati:

Ancora Delta 10 kg, 50 m catena € 1.098

Sprayhood € 1.830

Bimini € 2.952

Tavolo pozzetto ali abbattibili € 1.586

Vele high-tech € 2.806

Gennaker, vela e attrezzatura € 4.087

Elica a tre pale abbattibili € 1.281

Vhf con Ais € 1.415

Garmin GPSMap 721 € 1.439

Garmin Gmi 20 tridata €  3.269

Autopilota € 3.648