Adrenalina 9.5, nomen omen

Nomen omen per l’ultimo Lomac di fascia alta. L’Adrenalina 9.5 conferma le caratteristiche evocate già nel nome, unendo un forte impatto estetico a prestazioni di rilievo. Il design di Federico Fiorentino si esprime in una linea pulita e senza interruzioni, a prua come a poppa.

Una ricercatezza non solo estetica, se pensiamo ai processi di costruzione e ai materiali impiegati, come la resina vinilestere per un’alta resistenza meccanica, il gelcoat neopentilico per resistere ai raggi Uv e la stratificazione della carena mediante infusione sottovuoto.

Saliti a bordo di Adrenalina, la prima sensazione è di grande spazio, con libertà di movimenti da poppa a prua. Migliorabile l’accesso nella cabina ricavata nella consolle, un po’ scomodo perché costringe a piegarsi.

Una volta dentro, comunque, c’è spazio a sufficienza per distendersi e si può utilizzare una prolunga che trasforma i due letti singoli in matrimoniale.

A prua, un tavolino ad azionamento elettrico crea una zona conviviale alternativa a quella di poppa, dove il mobile cucina è integrato nella seduta di pilota e copilota.

La postazione di guida è comoda per due persone  e la visibilità in navigazione ottima. Bene anche il posizionamento degli strumenti sulla plancia di comando. Manca, però, una pedana poggiapiedi per chi ha le gambe meno lunghe. Nel complesso, la sensazione è di un prodotto di qualità, curato nel progetto e in tutta la componentistica.

Elevata la dotazione standard, che comprende accessori come verricello e tendalino e cuscini. Tra gli optional l’elica di prua e i teli copri scafo.

I dati

Lunghezza f.t. 9,42
Larghezza l.t. 3,51
Peso a vuoto kg 2.000
Camere d’aria 6
Serbatoio carburante lt 700
Motori 2 x 300 cv Yamaha, 6 cilindri a V, cilindrata 4.169
Omologazione Ce cat. B/20

www.lomac.it

La prova completa nel numero di Vela e Motore aprile 2012. Per richiedere i numeri arretrati: 02 38 085 402.