Si svolgerà dal 19 al 23 aprile 2017 a La Grande-Motte, in Francia, il Salon International du Multicoque, salone sull’acqua che riunisce da ormai otto anni i migliori costruttori mondiali di multiscafi. L’evento è cresciuto anno dopo anno, spinto da un settore che nelle stagioni recenti ha sentito meno la crisi. Grazie alle loro doti di stabilità, spazi e consumi generalmente bassi i multi hanno saputo imporsi nel mercato, e non solo in quello del charter, il loro primo “sbocco” professionale. Anche i privati ne hanno apprezzato il comfort di navigazione e i costi di gestione spesso inferiori a quelli di uno yacht a motore con lo stesso spazio a disposizione.

Sebbene ancora non ci siano numeri ufficiali, quest’anno sono previsti una sessantina di modelli, con tante novità presentate in anteprima mondiale, come il Catana 53, il Fountaine Pajot 47, il trimarano Neel 51, il Leopard 45, lo Swiss Catamaran S48, il Bañuls 60, il Bali 5.2 e molti altri ancora. Ma le barche non sono le uniche protagoniste: tra gli stand c’è tutto il mondo che ruota intorno: dagli accessori alle società di charter, dalle assicurazioni alle banche, da chi si occupa di trasporti alle velerie. La scorsa edizione si sviluppava su 3.500 mq di superficie e ha portato circa 17.000 visitatori, di cui il 54 per cento dall’estero.

Ogni anno vengono prodotti circa 1.000 unità tra catamarani e trimarani da crociera, l’80 per cento sono vela e il 20 per cento a motore. Il fatturato globale del settore ammonta a 450 milioni di euro e negli ultimi anni hanno fatto un grande passo in avanti nel mercato delle imbarcazioni da crociera. La Francia è il paese leader, sia in termini di fatturato sia di unità prodotte: Lagoon, Fountaine Pajot, Bavaria Nautitech, Catana, Outremer, Privilège Marine sono i più grandi costruttori mondiale di multiscafi per il diporto e il charter.

In Italia ci sono i cantieri C-Catamarans, Ice Yachts, Lady Hawke più una nuova realtà ancora in fase di sviluppo che fa capo a Vanni Gori di Multiyachts, (già dealer per diversi produttori stranieri) e si prepara alla realizzazione di due nuovi catamarani plananti, il Wave Master 42 a motore e il Tricat 53 a vela: progetto e costruzione sono totalmente italiani